ARTIGENIO: con Sara Vignoli può vincere la bellezza della natura e del design

Ho avuto il piacere di conoscere l’Architetto ventinovenne Sara Vignoli in occasione della edizione 2015 della Maker Faire a Roma, ed è stato subito amore per il suo straordinario progetto!

Sara vignoli alla Maker Faire 2015 presso lo stand del Fab Lab di Sassari

Sara vignoli alla Maker Faire 2015 presso lo stand del Fab Lab di Sassari

Infatti, 3D ELEMENTS OF NATURE è una straordinaria idea che coniuga design modulare e natura, per realizzare pareti componibili ed elementi d’arredo per contenere le piante.

Il progetto è oggi in corsa (ed in testa nei sondaggi online!) per la vittoria del contest “Artigenio”, promosso da Mercedes-Benz in collaborazione con Confartigianato: e per votare il progetto di Sara Vignoli è sufficiente un like sul sito di Artigenio che trovate a QUESTO LINK.

In occasione della sua partecipazione ad Artigenio ho intervistato Sara Vignoli per farmi raccontare in dettaglio “3D Elements Of Nature”, per capirne tutte le potenzialità che in futuro potrebbe regalare alle nostre città ed alle nostre case.

Ciao Sara, quanto sei emozionata per il successo che sta riscuotendo il tuo progetto?

Moltissimo! davvero tanto, Perché al contest di Artigenio hanno partecipato tanti giovani con tante belle idee, ed essere tra i tre finalisti del premio è già per me una grande soddisfazione. Soprattutto un bel riconoscimento per il mio progetto.

3D Elements of NatureA proposito del progetto, raccontami cos’è esattamente “3D Elements of Nature”… 

“3D-Elements of Nature” nasce dall’idea di portare la natura nei contesti urbani: è un sistema componibile ottenuto da due moduli diversi, che combinati tra loro richiamano l’immagine delle  rocce sulle quali crescono le piante, fatte di nicchie e di sporgenze. Attualmente il prototipo è realizzato con stampa 3D in pla, ma l’idea per il prodotto finale sarebbe quella di utilizzare materiali riciclati e riciclabili. A seconda del numero dei moduli utilizzati e del modo in cui questi vengono assemblati tra di loro, è possibile realizzare elementi d’arredo e pareti sempre differenti e adattabili al gusto e alle esigenze di ognuno, dando vita a spazi ecosostenibili che ampliano la superficie disponibile per il verde e l’illuminazione.

rendering di una parete composta con moduli 3D Elements of Nature

rendering di una parete composta con moduli 3D Elements of Nature

Mi sembra fantastico questo progetto, ma come è nato? Cosa ti ispira di solito e come lo realizzi?

Sono abituata ad iniziare a progettare sperimentando a partire dalla manualità dei modelli di studio, con prototipi semplici realizzati con carta o cartone. Lavorando a questo progetto all’interno del FabLAb di Sassari ho potuto conoscere le potenzialità di strumenti come  software avanzati per la modellazione e le stampanti 3D che mi hanno permesso, a partire da un’idea, di vederla concretizzarsi. “3D Elements of Nature” mi ha permesso di avvicinarmi al mondo del design partendo dalla mia passione per la natura e le sue straordinarie forme organiche, riportandone la bellezza negli oggetti e negli spazi dove viviamo ogni giorno. Mi sono ispirata soprattutto alle bellezze della mia terra, la Sardegna, dove la natura disegna strutture straordinariamente armoniose ma spesso è sacrificata nei contesti urbani nei quali si svolge la nostra vita quotidiana.

sara vignoli prototipeCi vuole poesia da quel che dici per fare architettura e design, mi sbaglio?

No assolutamente, credo che la poesia stia principalmente nell’idea che il prodotto o il progetto che vogliamo realizzare possa migliorare la qualità degli spazi in cui viviamo, traendo ispirazione dall’armonia dell’ambiente che ci circonda. La tecnologia è fondamentale oggi per progettare, sviluppare e realizzare un’idea, ma rimane fredda e sterile se non viene mediata tramite la sensibilità propria degli esseri umani.

Dai numeri sembrerebbe proprio che il tuo progetto abbia buone possibilità di vincere Artigenio, cosa farai se vinci con il premio in denaro?

Sono scaramantica, e fino a che non vedo il risultato non posso dire di aver vinto, anche perché gli altri due finalisti hanno presentato dei bei progetti. Se vincessi avrei la possibilità di vedere un sogno che si realizza! Grazie al supporto del team di Artigenio porterei avanti il mio progetto fino a farne un prodotto finito, che entrerebbe a far parte degli spazi pubblici e delle case di coloro che hanno dimostrato di apprezzarlo sostenendomi in questo concorso.

Non mi resta che dirti “in bocca al lupo”, allora?!

Grazie, incrociamo le dita!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...